Fanculo! Stamattina era veramente tardi. Ho preso il caffè forse troppo velocemente. Oppure è stato il bicchiere d’acqua troppo freddo subito dopo. Mi è salita un emicrania tremenda. Ho già preso tutto quello che potevo prendere in pillole. Niente. Non passa. Devo solo aspettare che facciano effetto.

Sono un’impiegato postale. Devo essere efficiente allo sportello. Non posso mandare al diavolo la gente solo perchè è una giornata storta. Ma il mal di testa aumenta e divento sempre più irritabile. Evidentemente me lo leggono in faccia ma i miei colleghi oggi sono “invisibili”. 

Il prossimo.

Si avvicina allo sportello un ciccione. Un uomo basso ed obeso che inizia subito a fare domande neanche fossi pagato per dare informazioni. Ma poi a saperle tutte le cose che chiede! 

Poi incomincia ad aggiungere delle digressioni che non hanno nulla a che vedere con la pratica che stiamo attivando. Parla di fatti che gli sono capitati da giovane…Io cerco anche di immaginarlo da giovane ma proprio non ci riesco. E’ un ciccione che mi sta soffocando con le sue cazzate. Non ci trovo nulla di giovane e fresco in questo. E a nulla valgono le mie esortazioni a stringere, a fare presto perchè c’è altra gente che non può aspettare così tanto dopo di lui. Ineffetti sono accecato dal mal di testa perchè l’obeso spostandosi di due centimentri mi indica che non c’è proprio nessuno in coda dopo di lui.

Il mio fisico non sopporta questa dura verità. Si spengono le luci dopo un giro vorticoso di faccie grasse, spigoli di scrivania, cassettiere, piedi di sedie e pavimento. Il pavimento fortunatamente è UNO. E ci resto volentieri accasciato per non so quanto tempo.


di Michele Petrelli

horror humor storie story Illustration art michelepetrelli

Una creatura cannibale divoratrice di cervelli. Proprio quando siamo devastati dai nostri pensieri, o mentre navighiamo nell’oblio ozianti e pigri, si manifesta quest’inquietante essere a metà tra una civetta e una scimmia sanguinaria. I denti aguzzi affondano nel cranio del malcapitato che è preso da altro e non si accorge di nulla. Mordicchia e succhia la massa celebrale e risputa dentro un intruglio grande quanto una noce. Il malcapitato vivrà in una specie di sogno e follia.

Cannibal horror horrible dead undead Illustration art michelepetrelli